Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/438

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
STA - 437 — STA

bilirse el tempo, racconciarsi il tempo; aver stabilì — di dire, di fare, ecc.: aver fermo, o aver fisso il chiodo: — „Ho fìsso il chiodo di andarci, e ci vado, costi quel che vuol costare.“

Stabiiida, sf. stabilimento; arricciato, arricciatura; intonacatura, intonaco.

Stacar, va. staccare; spiccare.

Stafa, sf. staffa; montatoio, predellina.

Stafier, sm. staffiere, staffiere, palafreniere

Stafil, sm. staffile.

Stafilada, sf. v. met. passata, risciacquata.

Stagion, sf. stagione; met. momento, ora: — „Non è ora adesso di ber vino;“ stagion calda, stagione adusta; stagion freda, stagione severa; cativa stagion, met. mesi de’cipolloni: — „ Grazie al cielo i mesi de’ cipolloni son passati e il lavoro rincomincia; ’ vestito de meza stagion, abito da mezzi tempi; fora de stagion, met. fuor di stagione, non opportunatamente; el diavolo no magna stagion, v. diavolo; esser un fruto fora de stagion, e ogni fruto voi la sua stagion, v. fruto.

Stagionada, stagionadura, sf. maturamente, maturazione; stagionamento, stagionatura

Stagionadina, agg. met. passatela: — , Che importa s’ è passatela s’ha una dote che convien farlesi di cappello.“

Stagionar, vn, stagionare.

Stagionaza, sf. stagionacela.

Stagnacada, sf. secchiata.

Stagnaco, sf. secchia^ secchio, bigonciuolo; secchiata: — „Possiede denari a secchiate e lesina sugli spiccioli.“

Stagnada, sf. stagnamento, stagnatura ristagno; t. di cucina: calderotto, stagnata; art: e mest. ristagnata, stagnata.

Stagnadela, sf. t. di giuoco: cauto, circospetto, riserbato, stangatore.

Stagnadina, sf. stagnatuzza.

Stagnadura, sf. stagnatura.

Stagnar, va. ristagnare, stagnare; stagnar una bota, v. bota; stagnar ,el sangue, v. sangue.

Stagnaro, stagner, sm. acconciastagni, stagnaio, stagnarino (Garzoni), stagnaruolo, stagnattaio.

Stagno, sm, stagno; de stagno, stagneo: — „Vasi stagnei.“ — ,.Stagneo sale;“ met. forte, gagliardo, robusto: — „Lavoratore robusto.“ — „Bestia gagliarda;“ valente: — ^Scrittrice valente e garbata.“ Stagnola, sf. stagnuolo.

Stala, sf. presepe, presepio, stalla: — „Stalla di cavalli.“ — „Dorme in stalla;“ stallata: — „ Vendette tutta la su’stallata di bovi;“ met. merdaio: — „Abitazioni che sembran tanti merdai;“ stala de manzi, bovile; — de porchi, porcile, stabbiuolo; — de legno per i porchi, arella; — de mussi, asinaia; — de pegore, ovile, pecorile; dormir in stala, stallare: — ,1 famigli sono obbligati a stallare;“ esser, o parer una stala, met, essere, o sembrare una stalla, — essere, o parere un merdaio; serar la stala dopo che xe scampai i manzi, v. manzo.

Stalagio, sm. stallaggio; stallatico.

Stalaza, sf. stallacela.

Staleta, sf. stalletta, stalluccia.

Staifa, sf. piedaccio: — „Ha certi piedacci da essergli invidiati dagli elefanti;“ ciotola: — ,Pensa s’ella vorrà calzare simili ciotole.“

Stalla, sf. mar. stallia; far stalìa, stallare: — „ Càusa il vento contrario dovettero stallare una settimana a Pirano.“

Stalier, sm. stalliere, — famiglio di stalla.

Stalon, sm. emissario, stallone: — „Emissario inglese, o russo.“ — . Stalloni arabi per migliorare le razze nostrali;“ stallone: — „Tiene uno stallone in cui abita lui, la famiglia e tutt’il bestiame.“

Stampa, sf. impressione, stampa; esser de nova stampa, o esser nova de stampa, met. essere col manico, essere di pezza.

Stampada, stampadura, sf. stampa, stampatura.

Stampado, agg. impresso, stampato; parlar come un libro stampado, v. libro.