Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/567

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

basso il ciglio: — . Se porta basso il ciglio e’ ci ha ben di che.“ — «I figli non han da portar basso il ciglio per gli errori de’ padri.“

Verosimilianza, sf. verisimiglianza, verosimiglianza.

Verta, sf. aperta: — «Diedi a casa un’aperta al libro e vi trovai l’adagio lungamente cercato.“

Vestaiia, correggasi: panicona.

Vida, aggiungasi: cavcirghe le foie a le vide, spampanare le viti,

Vignir, aggiungasi: no poderghene vignir vizin, met. non potersi accostare: — «Piselli a un fiorino il chilogrammo non è possibile accostarvisi.“ Vilanazo, aggiungasi: met. villan cornuto.

Vin, aggiungasi: vin pien, met. vino maccherone.

Vita, aggiungasi: vita naturai durante, m. aov. vita vivendo: — «Difetto che non perderà vita vivendo.“ — «S’è obbligato a tenerlo vita vivendo.“

Virtù, aggiungasi: aver la medesima virtù, met. adempiere il luogo di che Si sia: — - „La dulcamara adempie il luogo della salsapariglia.“ — «Quanto a caseina i piselli adempiono il luogo del latte.“

Viver, aggiungasi: viver ritirado, abitare con sè, — vivere ritirato: — „In luogo di vivere con sè e vergognarsi si fa vedere a tutt’i passeggi.“

Vizieto, aggiungasi: ciapar un vizieto, mettere una cannella: — „Ha messo la cannella di venir a frugacchiare nella mia libreria.“

Volta, aggiungasi: una volta intanto — detto quando una volta tanto si allarga la mano oltre il convenevole:- in tempo di fiera non ci si abbada.

Zafe, (aver zife zafe e zervelo)m. avv. camminare con la briglia in mano: — «Son anni tristi, e per campucchiare soltanto bisogna camminare con la briglia in mano.“ — «Camminate colla briglia in mano, è un corbacchione di campanile colui.“

Zata, aggiungasi: aver ne le zate, met avere nelle forbici.

Zatada, aggiungasi: rampata: — «Lo lasciò morto con una sola rampata.“ favaio, aggiungasi: carigarse inutilmente de zavai, darsi la gabella degl’impicci.

Zenocio, aggiungasi: tocarse i zenoci — muto ed eloquente linguaggio d’amore: fare a ginocchino.

Zeder, aggiungasi: zeder vn poco peromo — dicesi del cedere un poco per uno fra contendenti per venire agli accordi: fare un passo per uno: — «Si fa un passo