Pagina:Doni, Anton Francesco – I marmi, Vol. I, 1928 – BEIC 1814190.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 i marmi - parte prima


Cerrota. Bene, oh bene! Ma bisogna ancor considerare che da questo pareggiamento si mantiene questa macchina — disse il filosofo secco — insieme, che non cresce e non scema. È ben vero che certi savi della villa tenevano, in quel tempo del diebusilli che vivevon, che il fuoco la vinca, id est che a poco a poco la vadi consumando; ma egli è tanto poco che non si può in sí poco corso di vita comprendere, perché etá di cento uomini non la vede sminuire un dito; in modo che voglion dire che il fuoco la finirá questa macchina del globo terreno.

Barlacchi. Diascol, voi séte dotto! la signoria vostra sa dir globo! Io ho ben considerato talvolta il monte di Fiesole, dove si cavano tutti i macinghi, perché s’adoprano a fabricare in Firenze, e mi pare una gran cosa che quel monte non iscemi, cavandone tante e tante migliaia di some; ché se si potessin metter tutte le pietre che sono uscite di Fiesole l’una sopra l’altra, le farebbono altrettanto monte.

Cerrota. Ecco quel che io dico: che bisognerebbe poter vivere parecchi migliaia d’anni, a fare cotesto giudizio. E che sí, se venisse a Fiesole il primo scarpellino che vi scarpellasse mai, che si stupirebbe, e direbbe: — Dove sono stati portati mai tanti conci che sono stati levati di questa montagna? Oh l’era grande! la non è la metá! —

Barlacchi. Forse che i sassi crescono: che sai tu di questo? Ma crescano a poco a poco, come fanno i denti in bocca di noi altri. I denti son pur duri come osso, e pur crescano; cosí gli stinchi e le costole, che son dure come i denti. La terra debbe far crescere ancor lei le sue ossa, che sono i sassi; e come voi dite (perdonatemi, io dico «tu» e «voi» e «la signoria vostra» come mi vien a bocca, ché questa usanza non era de’ vecchi di dire altro che «tu»; ma queste cortigianie ci hanno messa questa usanza fastidiosa, e quell’altra di cavarsi la berretta, che gli venga il gavocciolo; or su), se si vivessi cinquanta o dugento mila anni, si vedrebbe di belle cronache.

Cerrota. Toglietene bene: la cosa non andrebbe molte migliaia inanzi, che si vedrebbe fare il medesimo, le medesime