Pagina:Doni, Anton Francesco – I marmi, Vol. II, 1928 – BEIC 1814755.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 i marmi - parte terza


E questo somma quattrocento sei. Accompagnate il primo con il secondo nome e unite gli abachi insieme, voi troverete che dugento sessanta e quattrocento sei fa giusto il nome di quella bestia, ciò è secento sessanta sei.

406
260
666

Veramente che l’è cosa maravigliosa a dire che con questo numero e con questo abaco, voi non troverete altro nome che questo Martin Lutera che faccia 666, se voi provasti quanti nomi sono bozzati al mondo, con una facile, piana e non tirata dichiarazione. Io ho finito: che dite?

Sazio. Voglio veder prima questa cosa adagio adagio; e piú tosto creder la vostra che quell’altra che colui vedesse distaccata l’anima dal corpo e poi rappiccarvela: sí che io vedrò la cosa a bell’agio e risponderò un’altra sera: per ora mi vo ritrarre; e ho avuto caro questa novitá. Ma l’altra?

Stucco. L’altra la serbo; che non abbiate fretta, perché è piú lunga e, al mio giudizio, bellissima.

Sazio. Pur che non v’inganniate. A Dio, per istasera, adunque.

Stucco. Vostro; e mi raccomando.