Pagina:Dottrina dello Schiavo di Bari.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21


E dice villania all'altra gente:
Amico non riguarda, nè parente,
Di che dispiace a Dio fortemente
                              E alle persone;

Ed enne fatto beffe e dilegione,
Ed è chiamato ebriaco e ghiottone,
E non saprebbe dire sua ragione,
                              Nè favellare.

Figlio, quando tu odi ben parlare,
Odi e intendi e ascolta e non gridare,
E di saper rispondar dei pensare,
                              Se ti bisogna.

Al tuo vicin non elevar menzogna,
E non li fare danno, nè vergogna:
Tanto si gratta l’uom, che accatta rogna.
                              Assai fiate.

La gelosia per certo lasciate:
È rio mantello di verno e di state:
Quel che non volete, non procacciate
                              Di trovare.

Se hai figliuola grande a maritare,
Se tu non se' agiato e puo'lo fare,
Dàlle marito, e troppo non tardare,
                              Nè la tenere.