Pagina:Eneide (Caro).djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[870-894] libro iii 139

Che facean ne’ suoi liti e ’ntorno a’ sassi870
E dentro a le caverne i flutti e i fuochi,
Al ciel ruttando insieme il mare e ’l monte
Fiamme, fumo, faville, arene e schiuma.
     Qui disse il vecchio Anchise: È forse questa875
Quella Cariddi? Questi scogli certo,
E questi sassi orrendi Eleno dianzi
Ne profetava. Via, compagni, a’ remi
Tutti in un tempo, e vincitori usciamo
D’un tal periglio. Palinuro il primo880
Rivolse la sua vela e la sua proda
Al manco lato; e ciò gli altri seguendo,
Con le sarte e co’ remi in un momento
Ne gittammo a sinistra; e ’l mar sorgendo
Prima al ciel ne sospinse; indi calando,885
Ne l’abisso ne trasse. In ciò tre volte
Mugghiar sentimmo i cavernosi scogli,
E tre volte rivolti in vèr le stelle
D’umidi sprazzi e di salata schiuma
Il ciel vedemmo rugiadoso e molle.890
     Eravam lassi; e ’l vento e ’l sole insieme
Ne mancâr sì, che del viaggio incerti
Disavvedutamente a le contrade
De’ Ciclopi approdammo. È per sè stesso
A’ venti inaccessibile e capace895

[555-570]