Pagina:Eneide (Caro).djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160 l'eneide [245-269]

Diluvïando, d’ogni parte in fuga
Ascanio, i Teucri, i Tiri ai più propinqui
Tetti si ritiraro; e fiumi in tanto
Sceser da’ monti, ed allagaro i piani.
Solo con sola Dido Enea ridotto245
In un antro medesimo s’accolse.
Diè di quel che seguì, la terra segno
E la pronuba Giuno. I lampi, i tuoni
Fur de le nozze lor le faci e i canti;
Testimoni assistenti e consapevoli250
Sol ne fur l’aria e l’antro; e sopra’l monte
N’ulularon le ninfe. Il primo giorno
Fu questo, e questa fu la prima origine
Di tutti i mali, e de la morte alfine
De la Regina; a cui poscia non calse255
Nè de l’indegnità, nè de l’onore,
Nè de la secretezza. Ella si fece
Moglie chiamar d’Enea; con questo nome
Ricoverse il suo fallo; e di ciò tosto
Per le terre di Libia andò la fama.260
È questa fama un mal, di cui null’altro
È più veloce; e com’ più va, più cresce,
E maggior forza acquista. È da principio
Picciola e debbil cosa, e non s’arrischia
Di palesarsi; poi di mano in mano265

[161-175]