Pagina:Eneide (Caro).djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
174 l’eneide. [595-619]

595Confuso, e molto a replicarle inteso,
Lasciando, con disdegno e con angoscia
Gli si tolse davanti. Incontinente
Le fur l’ancelle intorno; e sì com’era
Egra e dolente, entro al suo ricco albergo
600Le dier sovra le piume agio e riposo.
     Enea quantunque pio, quantunque afflitto
E d’amore infiammato e di desire
Di consolar la dolorosa amante,
Nel suo cuore ostinossi. E fermo e saldo
605D’obbedire agli Dei fatto pensiero,
Calossi al mare e i suoi legni rivide.
Allor furo in un tempo unti e rispinti
E posti in acqua; e per la fretta, i remi
Diventarono i rami che dal bosco
610Si portavano allor frondosi e rozzi.
     Era a veder da la cittade al porto
De’ Teucri, de le ciurme, e de le robbe
Ch’al mar si conducean, pieno il sentiero:
Qual è, quando le provide formiche
615De le lor vernaricce vettovaglie
Pensose e procaccievoli, si danno
A depredar di biade un grande acervo,
Che va dal monte ai ripostigli loro
La negra torma, e per angusta e lunga


[389-404]