Pagina:Eneide (Caro).djvu/291

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 l'eneide [120-144]

Era affrenata, e le rabbiose labbia120
E l’efferato core al suo misterio
Più mansueto e più vinto rendea.
Eran da lor già della grotta aperte
Le cento porte, allor ch’ella gridando
Così mandò la sua risposta a l’aura:125
     Compíti son del mar tutti i pericoli;
Restan quei de la terra, che terribili
Saran veracemente e formidabili.
Verranno i Teucri al regno di Lavinio:
Di ciò t’affido. Ma ben tosto d’esservi130
Si pentiranno. Guerre, guerre orribili
Sorger ne veggio, e pien di sangue il Tevere.
Saravvi un altro Xanto, un altro Simoi,
Altri Greci, altro Achille, che progenie
Ancor egli è di Dea. Giuno implacabile135
Allor più ti sarà, che supplichevole
Andrai d’Italia a quai non terre o popoli
D’aìta mendicando e di sussidii!
E fian di tanto mal di nuovo origine
D’esterna moglie esterne sponsalizie.140
Ma ’l tuo cor non paventi, anzi con l’animo,
Supera le fatiche e gl’infortunii;
Chè tua salute ancor da terra argolica
(Quel che men credi) avrà lume e principio.

[80-97]