Pagina:Eneide (Caro).djvu/333

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
292 l’eneide. [1170-1194]

De la stirpe d’Assáraco un rampollo.1170
Vedil colà, c’ha in su la testa un elmo
Con due cimieri, e tal, che il padre stesso
Già par ch’in cielo e nel suo seggio il ponga.
Questi, figlio, sarà quel grand’eroe,
Onde i suoi primi glorïosi auspici1175
Avrà l’inclita Roma, quella Roma,
Che, sette monti entro al suo cerchio accolti,
Tanto si stenderà, che fia con l’armi
Uguale al mondo, e con le menti al cielo:
Roma di così prodi e chiari figli1180
Madre felice. Tal di Berecinto
La maggior madre infra i leoni assisa,
E di torri altamente incoronata
Va per la Frigia, glorïosa e lieta
Che tanti ha figli in ciel, nepoti in seno,1185
Tutti che dii già sono o dii si fanno.
     Or qui, figliuolo, ambe le luci affisa
A mirar la tua gente e i tuoi Romani.
Cesare è qui, qui la progenie è tutta
Del grande Iulo, a cui già s’apre il cielo.1190
Questi, questi, è colui che tante volte
T’è già promesso, il gran Cesare Augusto,
Di divo padre figlio, e divo anch’egli.
Per lui risorgerà quel secol d’oro,


[779-793]