Pagina:Eneide (Caro).djvu/413

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
372 l'eneide. [545-569]

Di quei due cerchi antichi. Una di queste545
Città fondò Saturno, e l’altra Giano,
Che Saturnia e Gianicolo fur dette.
     In cotal guisa ragionando Evandro,
Se ne gian verso il suo picciolo ostello.
E ne l’andar, là ’v’or di Roma è il Foro,550
Ov’è quella più florida contrada
De le Carine, ad ogni passo intorno
Udian greggi belar, mugghiare armenti.
Giunti che furo: In questo umile albergo
Alloggiò, disse, il vincitore Alcide.555
Questa fu la sua reggia. E tu v’alloggia,
E tu ’l gradisci, e le delizie e gli agi
Spregiando, imita in ciò Tirinzio e dio,
E del tugurio mio meco t’appaga.
Così dicendo, il grand’ospite accolse560
Ne l’angusta magione, e collocollo
Là dove era di frondi e d’irta pelle
Di libic’orsa attappezzato un seggio.
     Venne la notte, e le fosc’ali stese
Avea di già sovra la terra, quando565
Venere come madre, e non in vano
Del suo figlio gelosa, il gran tumulto
Veggendo e le minacce de’ Laurenti,
Con Volcan suo marito si ristrinse

[355-372]