Pagina:Eneide (Caro).djvu/444

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[170-194] libro ix. 403

E voi, mie navi, itene sciolte: e Dee170
Siate del mare. Io genitrice vostra
Lo vi comando. A questa voce, in quanto
Udissi a pena, s’allentâr le funi
De’ lor ritegni; e di delfini in guisa
Coi rostri si tuffaro. Indi sorgendo175
(Mirabil mostro!), quante a riva in prima
Eran le navi, tanti di donzelle
Si vider per lo mar sereni aspetti.
Sgomentaronsi i Rutuli; e Messápo
Co’ suoi cavalli attonito fermossi.180
Il padre Tiberin roco mugghiando
Dal mar fuggissi. Nè perciò di Turno
Cessò l’audacia, anzi via più feroce,
Gli altri esortando e riprendendo: Ah, disse,
Di che temete? Incontro ai Teucri stessi185
Vengon questi prodigi; e loro ha Giove
De le lor forze esausti. Il ferro e ’l fuoco
Non aspettan de’ Rutuli: han del mare
Perduta e de la fuga ogni speranza.
Essi del mare infino a qui son privi;190
E la terra è per noi, tante son genti
D’Italia in arme. Nè tem’io de’ vanti
Che de’ lor vaticini e de’ lor fati
Da lor si dànno. Assai de’ fati, assai

[116-135]