Pagina:Eneide (Caro).djvu/457

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
416 l'eneide. [495-519]

Disse d’Irtaco il figlio: Or qui bisogna,495
Eurïalo, aver core, oprar le mani,
E conoscere il tempo. Il cammin nostro
È per di qua. Tu qui ti ferma, e l’occhio
Gira per tutto, che non sia da tergo
Chi n’impedisca; ed io tosto col ferro500
Sgombrerò ’l passo, e t’aprirò ’l sentiero.
Ciò cheto disse. Indi Rannète assalse,
Il superbo Rannète, che per sorte
Entro una sua trabacca avanti a lui
In su’ tappeti a grand’agio dormia505
E russava altamente. Era costui
Al re Turno gratissimo, ed anch’egli
Rege e ’ndovino; ma non seppe il folle
Indovinar quel ch’a lui stesso avvenne.
Tre suoi famigli, che dormendo appresso510
Giacean fra l’armi rovesciati a caso,
Tutti in un mucchio uccise, ed un valletto
Ch’era di Remo, e sotto i suoi cavalli
Lo stesso auriga. A costui trasse un colpo
Che gli mandò giù ciondoloni il collo:515
Indi al padron di netto lo recise
Sì, che ’l sangue spicciando d’ogni vena,
La terra, lo stramazzo e ’l desco intrise.
Tàmiro estinse dopo questi e Lamo,

[320-334]