Pagina:Eneide (Caro).djvu/484

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1170-1193] libro ix. 443

E tal fa colpo. Ed a ferire alzato
L’investì ne la fronte, e gli divise
Le tempie, le mascelle e ’l mento ignudo1170
Ancor di barba, infin là ’ve s’appicca
Il collo al petto. Al suon de la percossa,
Al fracasso de l’armi, a la ruina,
Che fêr cadendo quelle membra immani,
Tremò la terra e ne fu d’atro sangue1175
E di cervella aspersa. Egli morendo
Giacque rovescio, e dechinò la testa
Parte a l’omero destro e parte al manco.
Al cader di costui tal prese i Teucri
Téma e spavento, che dispersi in fuga1180
Sen giro. E s’era il vincitore accorto
D’aprir la porta e di por dentro i suoi,
Fòra stato quel giorno e de la guerra
E de’ Troiani il fine. Ma la furia
E l’ardor di combattere e l’insana1185
Ingordigia di sangue ne ’l distolse.
Onde seguendo, in Falari ed in Gige
S’abbattè prima. A l’uno il petto aperse;
Sgherrettò l’altro. A quei ch’erano in fuga
Con l’aste di color ch’eran caduti1190
Feria le terga: e nuova occisïone

[748-764]