Pagina:Esilio - Ada Negri, 1914.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA FONTE.


Fonte che sola il mio dolor guarire
sai, fonte eterna di silenzio cinta,
quella che in me credei più forte ho vinta
4per poter, di te degna, a te salire.


Casa e terra lasciai che agli altri mia
parve, e non era: poi che nulla al mondo
è mio, fuor che l’anelito profondo
8del cuor, che si trasforma in melodia.