Pagina:Esilio - Ada Negri, 1914.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
80 lèvati, e cammina



Tu mi rispondi: — Quel ch’è necessario.
Lascia che sgorghi il sangue ch’è corrotto.
Poter di rinnovarsi in puro fiotto
12lascia al torrente impetuoso e vario.


La vita è bella in quanto è forza, calda
entro il tuo pugno: d’altri, che t’importa?...
Se non sai dominarti, ed a te scorta
16essere, qual virtù ti sarà salda?...


Io voglio che tu giunga a tale eroica
cima, che il nulla pel tuo cor sia tutto,
e il tutto nulla; e quel che fu distrutto
20seme prepari ad altre messi, o stoica. —