Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

diario

delle civiltà. E poi, che cosa si pensa quando il ragionamento e l’immaginazione non sono frenati e limitati dall’esperienza personale? Da Parigi, perchè non trovare che la libertà è una carogna e che il regime di forza è l’ideale dei regimi? Di qui tutto è diverso. Sono diventato molto prudente a ragionare sul meglio e il peggio di civiltà che non conoscono.


28 Luglio.

CONVERSAZIONE

CON DUE COMPAGNI FASCISTI


«Cosa volete fare contro Salvemini?» (sono di medicina).

«Vogliamo dargli nòia. Disgraziatamente ora non si bastonano più, ma qualcuno che gli tira una rivoltellata se continua così lo troverà di sicuro».

«Ma che ha fatto?».

«Ha tradito l’Italia».

«Perchè?».


133