Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

diario

balista, sperando che in luogo delle brillanti promesse, gli si dia almeno qualche briciola? E che altro mezzo rispetto agli amici gli resta di mostrare qualche dignità, se non dimostrandosi convertito «sincero»?

Parecchi elementi concorrono a rendere queste «beffe» abbastanza facili:

1. Non c’è in Italia classe indipendente, anche i proprietari di terre, anche i commercianti, anche gli industriali dipendono dal governo, quali per le tariffe, quali per i permessi di lavoro.

2. Esistono nel balismo due correnti che parrebbero doversi eliminare, e che viceversa si appoggiano l una l’altra. L’una è la corrente vera, quella dei Farinacci, dei Balbo, dei Turati, degli Arnaldi, che non hanno alcun principio, alcun ideale, alcuna aspirazione, se non quella di restare al potere per guadagnarvi sopra. «La compagnia della mangianza» come la chiama il popolo, che non nasconde le sue intenzioni di


141