Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

leo ferrero

PER LA COMMEDIA (DRAMMA)


«Figurati: ha detto in pubblico questo e questo».

«Che c’è di male? Sono cose vere».

«Dir le cose vere! Questo non è patriottismo!».

Cominciare con la rappresentazione di un paese in cui tutti siano sottosopra perchè il Padrone vuol venire a prendere la più bella ragazza del luogo. E’ stato indetto un meeting di protesta — a cui nessuno va. — Passano dei gruppi. Far vedere le varie maschere.

Arriva «l’uomo che resiste». Nessuno lo conosce. «Mai visto!».

La lotta fra l’Uomo e il Padrone deve essere il centro del secondo atto. Tanto l’uno che l’altro devono scendere in campo, come per un duello, con dietro un certo numero di fedeli. Lì avverrà la discussione sul dovere di resistere a chi trasgredisce la legge. E poi seguirà un giuoco di


186