Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

diario

15 Marzo.

Finalmente un amico ha l’idea di mandarci il capo d’accusa: un articolo terribile del Popolo d’Italia contro papà. Da questo articolo pare che il «manager » americano, deluso dal rinvio indeterminato delle conferenze di papà, abbia dato un’intervista a un giornaletto di Chicago, nella quale avrebbe dichiarato che Guglielmo Ferrero non poteva venire in America a dare le conferenze promesse perchè gli avevano negato il passaporto, dal che si poteva concludere come Ferrerò diceva nelle sue lettere «che era tenuto come prigioniero in Italia». «Una bugia come questa — diceva il giornale — meritava per lo meno la prigione perpetua!».


17 Marzo.

Ieri una lettera del Prefetto invita papà a andare in Prefettura. Vi trova anche il Questore. I due funzionari sono accigliati


75