Pagina:Fiabe e leggende Emilio Praga.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO UNICO - SCENA II. 17I E riparto. Io mi sono il bizzarro viatore Che tutti hanno incontrato nel blando tenebrore In cui brillan le lucciole. Quando piove mi metto Sotto il folto frondame, ed esco dal boschetto Grondando, e sorridendo verso l'arcobaleno. Non cerco la fortuna e so farne di meno... Vado, vado... ed ancora non sono affaticato. E a soffermarti, dimmi, non hai giammai pensato? In questa corsa folle in cui lo spirto emani, Sognando il dubbioso lume dell'indomani. Mai non pensasti, mai, a uno svolto di via. Alla casetta calma, alla casetta pia, Circondata di glicine, col buon cane alla porta, Colla finestra alquanto socchiusa, dove assorta Nel lavor, la fanciulla si leva al tuo passaggio, Ti regala un sorriso, e ti manda il buon viaggio? Qualche volta; ma ho fermo che i miei versi sonori Farian da simil casa uscir babbi e tutori, Come il sasso scagliato fra i rovi della via Ne fa balzar dei serpi la immonda compagnia.