Pagina:Folengo, Teofilo – Opere italiane, Vol. II, 1912 – BEIC 1821752.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


40
Pensa ciò che dé’ far, né vi ha partito,
ché quinci amor, quindi paura il caccia:
quel di seguire il suo Signor fa invito,
questa di rimaner, finché la faccia,
ch’un rio dagli occhi manda in su quel lito,
col cor insieme per dolor si sfaccia,
e mentre or dubbia or fermasi ’l pensiero,
vi sopra vien l’addolorato Piero.
41
Tien un coltello in mano ed un nel core,
ché ’l Mastro tolto gli è, tolt’è la vita:
vita non ha piú in petto né d’amore
può misurarsi quanta è la ferita.
Giován gli disse: — Pietro, ov’è ’l Signore?
Lasso! chi ne l’ha tolto? e chi l’aita?
non hai veduto quante e quai persone
legato il tranno in guisa di ladrone?
42
Non giá son queste l’ impromesse, o Pietro,
fatte da noi di gir con seco a morte !
Ecco che non di selce, ma di vetro,
noi siamo al tempo di contraria sorte:
esso va inanzi e noi torniamo a dietro,
cosa d’uomo non giá costante e forte.
Oh vii guerrier, che ’n pace al fianco siede
del capitano, e ’n guerra fugge e cede! —
43
Risponde Pietro: — S’esso vuol morire
e noma chi ’l contrasta «Satanaso»,
che poss’ io far? chi può contravenire?
Né tu né io né Giacom né Tomaso!
Io cominciai, ei mi vietò ferire:
so ben piú d’una orecchia e piú d’un naso
avrei giú di que’ volti e tempie tratto;
non volse, e quanto sfeci ebbe rifatto.