Pagina:Foscolo, Ugo – Prose, Vol. II, 1913 – BEIC 1823663.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 notizia bibliografica


piú fieramente ne’ primi deliri, e, volendoli divertire con nuovi oggetti in un viaggio, esulcera con que’ medesimi oggetti la malattia d’animo, che lo riduce a morire. Ed ei dalle forze, che, com’ei dice, «poche ed estreme gli avanzano», ricava fermezza e coraggio e dignitá da prepararsi pacatamente la morte; e tutto è cagionato e mosso e continuato e variato da’ casi naturalissimi, minimi, aspettati, i quali, senza distórre il lettore dall’osservazione di quel cuore umano (che è l’unico scopo del libro), giustificano le sue mutazioni e ne fanno conoscere tutti i motivi. La catastrofe, non che volerla occultare, è manifestata sin dalle prime pagine e dal titolo del volume, e per ciò appunto lo spettatore sa che non trattasi di colpirlo, e si lascia pazientemente guidare di giorno in giorno, e d’ora in ora, ne’ laberinti dell’anima del suicida. Potrebbe essere giusta, non però è vera, la osservazione che la passione politica e l’amorosa sono dissonantissime in un romanzo; tanto piú che il mondo le vede raramente nello stesso individuo. Montaigne, che, stando sempre attentissimo al proprio cuore, ha filosofato imparzialmente sugli altri, ha creduto che le passioni politiche e le amorose regnino spesso contemporanee, ed ha particolarmente esaminato quale ceda piú presto. E vero che applicò le sue osservazioni sovra il padrone piú altero e piú forte della terra, che era sempre schiavo, e talvolta nel medesimo tempo, delle passioni politiche e delle amorose1. Però l’osservazione potrebbe essere giusta; ma non giá a’ nostri tempi, quando non v’è forse artigiano in chi le giornaliere passioni non siano fermentate da sistemi e sentimenti politici, a’ quali non manca altro che l’occasione, e si convertirebbero pur troppo in furore. E bensí canone d’arte, prescritto dalla natura, che le passioni diverse regnino in un solo individuo, a fine che, combattendo fra loro, facciano riescire tragico e vero il carattere, finché una vincendo l’altra solleciti la catastrofe. Notisi dunque che nell’Ortis il vero contrasto sta tra la «disperazione delle passioni» e «l’ingenito amor della vita»; e che gli affetti, eccitati in lui dalla giovane ch’ei desidera e che non può mai possedere, e dalla patria che ha perduto e ch’egli inutilmente anela di vendicare, somministrano appunto nuove armi alla disperazione contro il naturale orror della morte. Or, quando l’autore ha con verosimiglianza ideato o cavato dal vero il

  1. Vedi il capitolo Se l’ambizione possa piú dell’amore: e parla di Giulio Cesare.