Pagina:Foscolo, Ugo – Prose, Vol. III, 1920 – BEIC 1824364.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 vii - viaggio sentimentale di yorick


— Tant’è — tornava a dire il prelato.

— Se Alessandro re de’ macedoni — soggiuns’io — potesse trasferir monsignore a miglior vescovado, sono sicuro che monsignore non direbbe cosí. —

Il povero conte de B*** non cadde se non nel medesimo errore.

Et monsieur est-i! Yorick? — gridò il conte.

Je le suis.

Vous?

Moi, moi qui ai l’honneur de vous parler, monsieur le comte.

Mon Dieu! — diss’egli abbracciandomi: — vous étes Yorick!

E si calcò frettoloso in saccoccia quel volume di Shakespeare, e mi lasciò solo nelle sue stanze.

t1 XLVIII

IL PASSAPORTO

VERSAILLES

Perché mai se n’andasse cosí a precipizio, e perché Shakespeare entrasse nella tasca del conte, erano nodi ch’io non poteva mai sciogliere. Le congetture ed il tempo sono spesi assai male quando i misteri si riveleranno da sé; e tornava meglio a leggere Shakespeare. Mi pigliai la commedia che ha il titolo Gran trambusto per nulla; e mi sono dalla mia seggiola trovato in un batter d’occhio in Sicilia, e in tante faccende con don Pedro, Benedetto e Beatrice, che Versailles, il conte ed il passaporto non erano piú cose mie.

Soave arrendevolezza dello spirito umano, che può in un attimo secondar le illusioni le quali furano i piú affannosi momenti alla tristezza ed all’ansietà! Omai, omai da gran tempo gli anni miei non si numererebbero piú, s’io non n’avessi trascorsa una