Pagina:Foscolo - La chioma di Berenice, 1803.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
176


ludi giovenili, di cui Tacito fa motto (Annal., xiv, 15), vennero istituiti per la commemorazione della prima barba da Nerone deposta: il che imitò da Ottaviano che tenne per festivo il giorno della barba e lo decretò pubblico (Dione, cap. 80). Ma Nerone, degno suo successore, non pago dell’anniversario, consecrò ad aeternam rei memoriam la sua lanugine a Giove Capitolino dentro una pisside d’oro contornata di gemme (Svetonio, in vi Caes. cap. 12). Per isdegno contro gli dèi, voleva anche Caracalla abbruciare i suoi capelli sull’ara, mentre stava sacrificando; ma stendendo la mano per istrapparseli si trovò calva la testa (Erodiano, Storia, lib. iv, 12). E calvo era. Le medaglie lo rappresentano chiomato: ma o quelle chiome sono parrucche, di cui vedi nella considerazione ix, o (sia detto con pace degli antiquarj) le medaglie mentono. Luciano nel libro pro imaginibus, poco dopo il principio, narra che la famosa Stratonica moglie di Seleuco e poi del figliuolo di lui Antioco, della quale canta anche il Petrarca (Trionfo d’Amore ii, v. 115 e sg.), promise due talenti al poeta che meglio lodasse le sue chiome. Tutto il mondo sapeva che per malattia,

          Quod solum formae decus est, cecidere capilli;

pur vi furono poeti che cantarono:

          Quis expedivit psittaco suum χαιρε?
          Magister artis ingeniique largitor
          Venter:

ed il ventre insegnava il canto ad Ulisse (Odiss. lib. xvii, 286, ed altrove), e le linde adulazioni ad Orazio (lib. ii, epist. 2). Così la paura avrà consigliato alle province di battere medaglie ben-chiomate al calvo imperadore. Ben disse Giovenale (Sat., iv, v. 70) che nulla v’ha di sì stravagante, che i potenti non credano di se stessi, e che gli adulatori non facciano credere.