Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 Distretto di Civezzano


CIVEZZANO (709 m — 1856 ab. — Alberghi: Rossi e Alessandrini): borgo situato in colle ad oriente di Trento. Ne dista 6.6 kilm. e lo rende amenissimo la pittoresca sua posizione, che si presenta seminata da poggi, da collinette e da paeselli disposti ad anfiteatro. Giace in suolo bagnato dalle acque del Bosco che scende dal monte Gallina e si scarica nel Fersina. Ha vie pulite, fabbricati più o meno regolari, scuole popolari maschili e femminili, ed una Chiesa decanale, che è delle migliori e più belle del Trentino, eretta per cura del Principe Vescovo Bernardo Clesio. Antonio Medaglia Comacino ne fu l’architetto. È tutta incrostata di viva pietra quasi marmorea; la copre un tetto di rame, ed ha un campanile di pietra che s’erge maestoso sino all'altezza di 84 metri dal suolo, con cupola difesa nel piede da poggi e balaustrata pure di pietra. La porta maggiore, e il cielo del presbiterio a stile gotico, rapiscono quanti sono intelligenti nell'arte. Contiene parecchie tele di molto valore, tra cui i dipinti di Jacopo da Ponte, una Sacra Famiglia, San Gioachino e San Giovanni Battista. — È sede della giudicatura distrettuale; patria di Giambattista Borsieri, uno dei più chiari maestri della medicina italiana; ed è Comune esteso ai paeselli ed ai casali che sono a destra del Silla sui colli che gli fanno corona e sulla costa del monte di settentrione; vale a dire a Torchio, Bampi e Seregnano (607 m.) colla deliziosa villa de’ Conti Consolati, un tempo castello de’ Baroni Gaudenti: a Gorzano che si tiene ad occidente della borgata, ad Orzano che monta poco sopra e tiene Bampi