Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Distretto di Mezzolombardo 141


Il Peller (2316 m.) sorge a ponente di Terres nel Distretto di Cles. — Forma parte del gruppo dello Spinale su quella serie di monti che separano a settentrione la valle di Non da quella di Sole, e consta delle formazioni cretacee proprie delle nostre alpi. Tiene a mezzogiorno la Flavona, e tra questa montagna, la valle di Tovel e quella che da Dimaro mette a Campiglio ed a Pinzolo, spiccano le vette del Pallon della Denna (2314 m.), della Nana (2199 m.), del Sasso rosso (2650 m.), così appellato dal colore del suo cocuzzolo, che fa contrasto al grigio della dolomia sottostante; del Padom (2630 m.) e del Sasso Alto (2929 m.) — La cascina (Malga) Tassulla (2070 m.) gli sta sotto, e da questa alla cima del Peller non è da fare che circa un'ora e mezza di cammino. Dal Monte Rocca (2120 m.) poi, che appartiene al Comune di Sporminore e s’eleva ad occidente di Spormaggiore, alla medesima cima, ne occorrono otto. Esso dista da Mezzolombardo sei ore di cammino e tiene ad occidente la Flavona, a mezzogiorno Bedole (2259 m.), a nord-owest Borcolo (2390 m.), la Cima del Fiblon (2667 m.), quella dell'Inferno (2494 m.) e la Lovertina (2284 m.), che sorge tra la valle di Sporminore e quella di Tovel nota pel suo laghetto dove si pescano i salmarini che giungono talora al peso di tre o quattro Chilogrammi. — Alla sommità del Peller ci corrono alla vista cento paesi, che si scorgono quasi tutti ad occhio nudo; panorama splendidissimo, che non si può godere più bello su nessun'altra cima dell’Anaunia.