Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
152 Distretto di Vezzano

due pale: l'Assunta dipinta da un allievo del Cignaroli, e il sonno di San Giuseppe, lavoro di Domenico Zeni trentino detto Il Pittorello. — Il suo Comune abbraccia i piccoli villaggi di Vigo (659 ab.), di Brusino (394 ab.) e di Stravino (506 m. — 389 ab.) coi casali Laguna e Mustè; il primo in fondo la valle, e il secondo tra questo e Cavedine, noto per un castello che fu distrutto dai Franchi. — A ponente è il lago suo omonimo; e di là si prospettano le Marocche; immenso acervo di frantumi di rocce, di massi dolomitici e giuresi, di rovine che pajono avanzi di una lotta titanica, e sono effetti dell’azione di un antichissimo ghiacciajo, e di franamenti avvenuti durante l'epoca geologica denominata dai ghiacci, e posteriormente. — Lasino (486 m. — 1125 ab.): paesello che sorge alla sinistra del Sarca nella valle di Cavedine, tra le villette di Stravino e Madruzzo. Dista da Vezzano 7.5 Kilm., e comprende nel suo Comune Madruzzo (547 m. — 190 ab.), che ha chiesa di forma singolare analoga per disegno a quella della Madonna di Loreto; e che insieme al suo Castello ricorda nel suo nome la maggiore e più illustre famiglia storica del Trentino.

Calavino (402 m. — 975 ab.): grosso e ameno villaggio posto al piede occidentale del monte Bondone, discosto da Vezzano 4.7 Kilm. Ha case pulite, vie più o meno regolari, scuole popolari ed una Chiesa parrocchiale eretta a spese di Gaudenzio Madruzzo; nella quale è stupenda la cappella Madruziana, dove sono