Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/285

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


p. 279

       Le piú fiate al miser uomo avviene
       ch'e' non conosce il ben, se non in quella
 135   che n'è privato o c'ha contrarie pene.--
       Poscia trovammo la pianta piú bella
       del paradiso, la pianta felice,
       che conserva la vita e rinovella.
       Su dentro al cielo avea la sua radice
 140   e giú inverso terra i rami spande,
       ove era un canto, che qui non si dice.
       Era la cima lata e tanto grande,
       che piú, al mio parer, che duo gran miglia
       era dall'una all'altra delle bande.
 145   --Questa gran pianta di gran maraviglia
       --disse a me Enoc--è l'arbore vitale,
       che vita dona a chi suoi frutti piglia.
       Fitto nel cielo sta il suo pedale;
       indi vien la vertú, che gli dá Dio,
 150   che possa l'uomo rendere immortale.
       Un ramoscello dall'angelo pio
       n'ebbe giá Set e piantollo in la fossa
       del padre Adamo suo, quando morío.
       E quello crebbe e féssi pianta grossa,
 155   e poscia posta fu nella piscina,
       che sol di sanar uno ebbe la possa;
       ché profetato avea Saba regina,
       che su dovea morir quel gran Signore,
       che faría nuova legge e piú divina.
 160   Allor il legno di tanto valore
       da Salamon fu di terra coperto,
       insin ch'a far suo frutto apparse fòre;
       ché, quando piacque a Dio, venne su ad erto,
       e di quel legno la croce si fece,
 165   ove l'Agnel di Dio per noi fu offerto,
       quando su 'n quella il prezzo satisfece.--


p. 280