Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/342

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
336 libro quarto

CAPITOLO XIII

Dove trattasi singolarmente della virtú dell'equitá e della veritá
e de' valenti canonisti e legisti.

     — Domanda— aggiunse Astrea— de’ regni miei;
omai di’ ciò che vuoi, e ben t’accerta
e delle dame mie tutte e sei.—
     Quando mi vidi far tanta proferta,
5con quella parte io la ringraziai,
che chiede Dio all’uom per prima offerta.
     E poi con riverenzia domandai:
— Perché la Veritá, la quinta sposa,
che Equitá ancor nomata l’hai,
     10la veggio singulare in una cosa,
ché porta la bilancia ed ella sola
tra la sua schiera è la piú gloriosa?—
     Rispose Astrea a questa mia parola:
— Da questo nome «_ius_», se noti bene,
15come si espone in la civile scola,
     Iustizia è detta, a cui tener pertiene
egual bilance. È ver che ’n alcun caso
ei non si puote ovver non si conviene;
     ché ’l don di Dio accolma tanto il vaso,
20e de’ parenti a’ figli, ché chi rende,
non pò render appien, ma men che a raso.
     Cosí all’uom, che di vertú risplende,
piena mesura non si rende ancora,
ché nullo ben terren tanto s’estende;