Pagina:Garzoni - La Piazza Universale - 1593.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 piazza.

[Virgilio.] membra externorum incursibus, milleq., iniutijs obnoxia sunt. Non volle dire cosa leggiera Heraclito, quando disse, che homo propter oculum, et oculus propter mundum conditus erat, essendo necessario, et al suddito, et al Prelato havere un'occhio molto buono in tutte l'attioni di questa vita. [Heraclito.] al Prelato s'aspetta di pascere il gregge suo con la dottrina, et la parola d'Iddio principalmente secondo quel precedetto di Paulo à Timotheo. Praedica verbum, insta opportune, et importune, argue, et obsecra, increpa in omni patientia, et doctrina. Onde à prelati che ciò non fanno è minacciato così in Hieremia Profeta. Veh pastoribus, qui dispergunt, et dilacerant gregem pascue meae; ideo haec dicit Dominus Deus Israel ad pastores, qui pascunt populum meum, Vos dispersistis gregem meum, et eiecistis eos, et non visitastis eos, Ecce ego visitabo super vos malitiam studiosum vestrorum, ait Dominus Deus Israel, et in Ezechiele con più rigide parole è detto loro. Veh pastoribus Israel, qui pascunt semetipsos. Non ne greges à pastoribus pascuntur? Lac comedebatis, et lanis operiebamini, et quot crassum erat occidebatis, gregem autem meum non pascebatis, quo infirmum fuit non consolidatis, et quod aegrorum non sanastis, et quod perierat non quaesivistis, sed cum obiectum non reduxistis, et quod confractum non alligastis, sed cum austeritate imperabatis eis, et cum potentia. [Hieronimo Santo] Hieronimo Santo in due parole ispone quello che hà da essere il Prelato dicendo. Tanta debent esse conversatio, et eruditio Pontificis, ut omnes mutus, et egressus, et universa opera eius notabilia sint. et Bernardo [S.Bernardo.] sopra la Cantica, gli avvertisce con quelle auree parole. Dicite subditorum matres vos esse debere, non dominos. studete magis amatis, quam metui. et si interdum severitate opus est, paterna sit, non Tyrannica. suspendite verba, producite ubera, pectora lacte pinguescant, nectypo tugeant.Si debbono ricordare i prelati d'essere il sale della terra, le lucerni ardenti sopra il candeliero acceso, la città situata sopra l'alto monte in prospetiva di tutti, la vita frutifera, onde i palmiti tranno vigore et vita, le lampade lucenti del magnifico tempio di Salomone, et convenir loro d'essere in tutte le virtù perfetti, infervorati nella carità, constanti nella patienza, temperati nella sobrietà, compiti nella sapienza, discreti nella benignità, modesti nella clemenza, ricchi di pietà, adorni di scienza, splendidi per l'humiltà, dotati di continenza, specchi di devotione, et essemplar d'una santa, inviolata et perfetta religione. Tengasi bene à mente il prelato, et leghisi nel cuore quella sentenza notabile di [Innocentio Papa.]Innocentio Papa, nel libro de Miseria Humana, per non esser tale. Statim ut ambitiosus promotus est ad honorem, in superbia extollitur, et in iactantiam effraenatur. Non curat prodesse, sed gloriatur praeesse, praesu-