Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

margherita di valois 187

Uno dei primi atti di Emanuele Filiberto, ad onta che, alla conclusione della pace, avesse fatto promesse relative all'estirpazione dell'eresia, uguali a quelle dei Re di Francia e di Spagna, fu di concedere ai valdesi (fra i quali eransi introdotti degli ugonotti francesi, e li avevano resi turbolenti, tanto da produrre anche in Savoia qualche cosa di serio) piena libertà. A Margherita poi, che in Francia aveva fama di mezza ugonotta, piacque tanto il candore di costumi di quella schiatta, che li favorì sempre, spesso intercesse felicemente per loro, e scelse sempre fra essi la sua servitù.

Tutto intanto sorrideva ai novelli sposi ; ma essi udivano e comprendevano i sospiri del loro popolo, che voleva essere addirittura libero dallo straniero e vedere il suo Duca nell'antica sede di Torino ; e tanto fecero e si adoperarono, specie Margherita, che teneva sempre un ben nutrito carteggio con la cognata Caterina dei Medici, tanto a lei affezionata, e che allora governava in effetto la Francia, da riuscire a consolarli.

Uno dei principali pretesti all'occupazione francese era che quelle terre dove essi tenevano guarnigione, dovevano tornare alla Francia nel caso in cui Emanuele Filiberto non avesse eredi ; ed a questo proposito fu generale la credenza che gli si fosse data a bella posta una moglie già innanzi con gli anni ed a lui maggiore. Ebbene, ad onta di tutti i maneggi e di tutte le previsioni, il 12 gennaio 1562, in Rivoli, dopo tre anni di matrimonio. Margherita divenne madre di un principe, Carlo Emanuele, che ebbe a padrini il Re