Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/481

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

maria teresa di toscana 409

veva l’impressione che la morte passasse in quel momento su di lui. L’ultima sua parola alla moglie fu desolante. — Oramai la Regina non usciva dalla oscurità in cui si era avvolta, se non quando eravi da soffrire più del consueto; in quella notte ne usciva, essa, la figlia di quel Ferdinando che, dall’esilio nel 1803, scriveva al marchese Roberto Capponi a Firenze: «Finchè avrò vita sarò italiano,» con un si crudele sentimento della sua nazionalità, che la faceva rimanere là, dinanzi a suo marito, quasi senza alzare in faccia a lui gli occhi pieni di lacrime. Dopo un silenzio terribile nella sua profondità, essa si azzardò finalmente a dire:

— Quando ci rivedremo, Carlo?

— Forse mai più! — fu la risposta del Re. Essa, colpita al cuore, svenne, e non lo vide partire; e come le aveva detto, non lo vide più!

Allorquando dopo l’abdicazione, esule volontario partì pel Portogallo, neppure le scrisse; ed essa pianse, non la corona, che non le aveva dato che lacrime, ma l’oblio di lui!

Pochi giorni appresso essa scriveva in questi termini a persona intima: «Non posso applicarmi a nulla, la mia mente vi si rifiuta, il mio cuore è sì ridondante di affanno e come aggruppato! Ah, la determinazione presa da mio marito m’ha straziata, e tuttora mi strazia fieramente. Abbandonarci così! Ah, m’avesse almeno concesso di seguirlo! Allora sarei stata felice di accompagnarlo io sola ai confini del