Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 Il Diavolo


istava a far discorsi, veniva subito alle mani: lo sa Dio, le volte che si sarà picchiato. Ogni poco, chi lo voleva era al tribunale : in carcere ci sarà stato cento volte, e si era mangiato mezzo il suo in liti. Non c’era persona del vicinato, colla quale non avesse avuto che dire. E bella: quando si attaccava con qualcheduno o a parole o a fatti, andava quasi sempre a capo rotto, ma a lui non importava; a torto od a ragione gli bastava di leticare. Tante volte gli dicevano per suo bene:

— O finiscila, Chirola, lascia andare, che a quistionare tu non ci guadagni nulla: alla fine dei conti tu avrai il male, il malanno e l’uscio addosso.

— Io non ho paura di nessuno — ripeteva sempre — quando ho quistionato, mangio con più appetito.

— Lo troverai da ultimo qualcheduno che ti metterà giudizio — gli diceva suo fratello.

— Ma intanto l’ho da trovare. Ho leticato con tanti, e nessuno finora mi ha mangiato. Vo’ durare finché campo, e se fosse vero che ci fosse il diavolo vorrei leticare anche con lui.

Aveva sempre questo intercalare:

— Se lo trovo questo vecchin f...., tu senti che botte; si deve fare a chi se le dà più belle.

Il vecchio stette un pezzo alla dura, ma alla