Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 Il libro del comando


lungo fucile ad una canna in ispalla. Accovacciato ai suoi piedi era un canino rosso, colla coda tagliata, una specie di quei pomeri, che tengono i barocciai.

— Buongiorno!

— Buongiorno; si è levata più presto di quel che non crédevo, ancora non ce la facevo!

— E codesto canino?

— E il mio.

— Però non è da caccia?

— Ma la lepre la trova: me lo volle dare mio fratello Nando; lo presi così per fare; più per badare a casa che per altro. Io non ce lo volevo con me, perchè i cani sono sempre d’impiccio ed alle volte fanno entrar ne’ cimenti senza volere; specialmente io che sono tutti i giorni perle strade se qualchcduno me lo avesse toccato sarebbe stata questione finita. Sicché le prime volte gli tiravo de’ sassi, così per fargli paura; lui abbassava le orecchie, metteva la sua coda fra le gambe, prendeva ratto ratto la via di casa, ed ogni tanto si voltava addietro come per vedere dove io andava: quando avevo fatto un altro po’ di strada, e non mi scorgeva più, via a carriera giù per i campi e per i balzi; mi passava avanti, e si metteva ad aspettarmi. Durai un pezzo a gridarlo e a rimandarlo addietro: fuggiva sempre, ma dopo un minuto o due me lo vedevo sempre riap-