Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48 Il libro del comando


l’Assunta; — a buon conto ancora non c’è tornato.»

— Una sera era un tempaccio indiavolato, pioveva a ciel rotto, il vento mugghiava fra i castagni, e pareva volesse sbarbare la casa da’ fondamenti. Erano tutti li intorno al fuoco a far le bruciate, discorrendo del più e del meno; l’Assunta diceva:

«Non abbiate paura, non ci si vede più. Non vi sarebbe altro che venisse stasera!»

«Tira troppo vento!»

— In questo mentre abbaiò il cane.

«Volete scommettere che è lui? — esclamò il capoccia.

— Era Pietro davvero! C’è da figurarsi come rimasero tutti. E il bello fu che se lo videro apparire in cucina senza che nessuno fosse andato ad aprire. Era solo; appena fu entrato in casa, l’Assunta tutta impaurita disse a Santi:

«E ora?»

«Stai buona, lascia fare a me — rispose Santi.

— Andò incontro a Pietro, e lo prese per un braccio:

«Pietro, fatemi il piacere, venite qua, ho bisogno di parlarvi una parola.»

«Due — rispose Pietro come in aria di canzonatura.

Andarono in un canto, e Santi, che era un