Pagina:Giuochi ginnastici raccolti e descritti per le scuole e il popolo.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Prefazione. XI

tezza dei muscoli, ma per la stanchezza degli organi: e per esercizi d’effetto locale s’intendono quelli in cui la fatica è limitata ai muscoli produttori del movimento, e per lo più stancano prima d’influire in modo notevole sulle funzioni. Appartengono alla prima classe quelli che costituiscono la ginnastica naturale: marcia, corsa, salto, arrampicare, nuoto, gite alpine, ecc.; l’altra classe comprende la ginnastica artificiale, e specialmente quella ai grandi attrezzi. I primi influiscono con molta energia su tutto l’organismo, e giovano a rinvigorire la salute; gli altri servono quasi esclusivamente allo sviluppo della forza.

L’igiene, studiati gli effetti fisiologici dei varî esercizi in rapporto ai bisogni dello sviluppo organico e alle condizioni d’età, di tempo e di luogo; considerato che l’uomo forte non è sempre sano, poichè la salute più che dalla forza dei muscoli dipende dalle regolari funzioni degli organi; e dimostrato che non con la forza muscolare, ma con la resistenza degli organi e l’energia delle funzioni vitali si vincono le lotte contro le influenze morbose; ha stabilito come principio fondamentale, che la ginnastica nel periodo dello sviluppo debba essere costituita dagli esercizi d’effetto generale, e che non prima dei sedici anni debba cominciare la ginnastica d’applicazione.