Pagina:Gli antichi statuti municipali di Montevarchi.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Gli ordinamenti municipali di Montevarchi che per ordine cronologico succedono immediatamente allo statuto del 1376 nell’Archivio di Stato di Firenze, sono contenuti in un volume in parte cartaceo e in parte membranaceo legate in pergamena, Classe XII n. 103. Ivi primo si presenta lo statuto e riforma del 10 febbraio 1385 (1386 stile comune) in un quaderno 0,30 X 0,22 di 12 carte non numerate; delle quali 10 scritte e 2 bianche e sta in 35 rubriche, completo e originale, scritto e pubblicato per mano di ser Antonio del g. Francesco Gangalandi notaro pubblico fiorentino.

E’ singolare che, sebbene redatto a Montevarchi, pure gli statutari non sono montevarchini, ma nobili cittadini fiorentini a tale oggetto designati dalla sorte; cioè Leonardo di Giovanni Strozzi, Giovanni di Francesco Burelli e Brunetto di Preda da Verrazzano.

Questo volume contiene lo statuto delle ville di Montevarchi (cioè S. Tommè e S. Marco) dell’agosto 1415, in 30 rubriche scritte su dieci carte non numerate. Di questo statuto vi è quello stesso volume una copia mutilata scritta in pergamena. E vi sono poi riforme, aggiunte e correzioni agli statuti del comune di Montevarchi che dal 1386 arrivano fino al 1573.