Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO V - TOMO 111 477 fossero state sul banco d’un fornaio, egli non avrebbe du¬ bitato un momento di chiamarle pani ;1 ma ' non ardiva creder cosi tosto ai suoi occhi, perché3 per esser pani eran troppo fuor di luogo. Guardò più da vicino, si abbassò, ne ricolse uno: era un pane tondo, bellissimo, e d’una pasta, di cui Fermo non ne aveva ancor mangiato molte volte. - È pane davvero ! — sciamò egli ad alta voce, tanto ne fu maravigliato. *. — Cosi lo seminano in questo paese? e non ■ si fermano a raccorlo quando cade? che venga da sé come i fungili? - Fermo aveva camminato dieci miglia, e 1 sentiva appetito; c già al primo entrare si era proposto di fermarsi alla prima bottega di fornajo, che avrebbe incontrata: ché non sapeva che in quel giorno,8 a quell’ora, in Milano, v’era pane da per tutto quasi, fuorché da’ fornaj. Trovandone ora cosi a proposito, stette egli un momento a pensare, se e\\ fosse lecito profittare di quella ventura; e disse tosto: -1 L’hanno gettato alla balia dei cani che passano: è meglio che ne profitti un cristiano :^ alla fin fine, se viene il pa¬ drone. glielo pagherò. - Fatto questo proponimento, raccolse un pane, se lo pose in una tasca, ne raccolse un secondo, e lo pose nell’altra; e, raccolto il terzo, cominciò a mangiare. Frattanto vide gente che veniva dall’interno della città e adocchiò curiosamente15 i più vicini, avido di scoprire qualche cosa, che gli” rendesse chiaro14 quel poco che aveva veduto fino allora. Erano un uomo e una donna, che si trae¬ vano dietro un ragazzetto: tutti e tre curvati sotto una ca¬ rica, e in un aspetto strano. Avevano 15 l’abito e il vólto infarinato, il vólto per sopra più stravolto; camminavano come affaticati e dogliosi, come se fossero stati pesti, e parevano venire da qualche trambusto. L’uomo portava a fatica su le spalle un sacco di farina, che, bucato qua e là, ne lasciava sfuggire 17 degli sprazzi ad ogni intoppo 18 del 1 Segno di richiamo, e a margine, in penna : «. punto ferino ». — - gli parevano troppo fuor di luogo : egli — gli |pa] se fossero stati 4 In vita — Che è questo ? diss’egli tra sé. — tornano - " nasca — - si _ » v’era in Milano. — 11 |Lo gettano] Un cane che fosse passato l'avrebbe — 111 tanto — 11 il padrone veni — 12 per — 13 spiega — “ Variante desse ragione di — la faccia e gli abiti infarinati, camminavano | la faccia era | gli abiti e i - !" uscire — 1 degli