Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


OLI SPOSI PROMESSI 1 Questi, che abbiamo accennati, sono certamente i princi¬ pali e più sicuri rimedj alla penuria delle sussistenze; e quando si fossero posti in opera,3 il meglio da farsi, sarebbe sopportare quella parte inevitabile di patimento con tran¬ quillità, e con rassegnazione, giacché tutte le ire, tutte le de¬ clamazioni, tutti i falsi ragionamenti non ponno far nascere una spiga di frumento, né accelerare di cinque minuti il nuovo raccolto, che deve mettere a disposizione degli uomini una nuova massa di sussistenza. Ma oltre i mezzi per render tollerabile quel male, ve n'ha pur troppo, e moltissimi, per esacerbarlo, per accre¬ scerlo, per rendere più trista e complicata una situazione che lo è già tanto per sé; e questi mezzi sono stati per l’ordinario :l più adoperati dei primi, e si possono ridurre a due capi principali: le idee del popolo,4 e i provvedimenti dei magistrati. Nella s epoca di cui parliamo," le idee e i prov¬ vedimenti concorsero potentemente a produrre quel tristo effetto in un grado singolare. 1 Nei tempi di carestia,8 la carestia è il soggetto di tutti i discorsi:11 fatto ben naturale,1" ma degno di molta osser¬ vazione, e di commento. Tutti ragionano delle cause del male, " tutti propongono i veri rimedj, tutti dissertano di principj generali, di commercio, di monopolio, di accappar- ramento, di importazione, di esportazione, di circolazione. Ma la maggior parte 15 non si è occupata mai 13 in vita sua di questa materia: 14 i primi pensieri sono giudizj, e Tap- plicazione dei principi precede alla ricerca di essi. Guaj allora a quegli che hanno pensato IH a questi principi nel tempo in cui nessuno vi pensava; guaj a quegli che1 danno più degli altri un senso preciso a quelle parole che tutti proferiscono; guaj a quegli che hanno esaminati con una vista generale i fatti che sono l’argomento della discussione ‘ Posti in opera i rimedi che abbiamo accennati, | Dopo — - non resterebbe altro a fare ] non — 3 [più operosi ed efficaci dei primi méssi in opera I più affini dei primi] più operosi dei primi — • e gli ordini dei — trista — « tutte - 7 Quando la scar¬ sezza del vitto conduce l’alto prezzo del grano, (lacuna) — f il — 0 cosa — ma molto degna di esse 11 tutti di — 14 si occupa 1:1 di questi p— “ le prime sono giudizi che precedono la riflessione, e le — 11 parole e — 1,5 lo' studio dei principi — 17 è gente che studia sulla cattedra — isalla fame nei tempi dell’abbondanza — 15 intendono