Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO VI - TOMO III. 501 è altro che una applicazione speciale e analoga d’un voca¬ bolo toscano)1 alle poste loro. Uno di questi passava ! quel crocicchio, che si chiamava il Leone di Porta Orieniale, dove era adunato molto di3 quel po¬ polo. Al primo * vedere quel fattorino e quella gerla: <•■ ecco, gridarono cento voci: « ecco se c’è il pane.» 5 «Si, si, pei tiran¬ ni che non vogliono 0 darne alla povera gente ! » 7 grida uno della folla. Un altro s’avanza, s’appressa al fattorino, alza la mano8 all’orlo della gerla,0 la fa abbassare con una strap¬ pata, e con l’altra mano10 toglie un pane, e diefc: « siamo cri¬ stiani anche noi: abbiamo da mangiare.»“ «Anche noi,» ri¬ spondono cento12 voci: molti s’avventano al fattorino, e gri¬ dano:13 «giù quella gerla. 11 garzoncello arrossisce, impal¬ lidisce, trema, vorrebbe dire: — lasciatemi stare; — ma non ha tempo: sviluppa le braccia in fretta dalle ritorte, che ser¬ vono di manichi alla gerla, la lascia1'1 nelle mani di quelli che l’avevano presa; e a gambe. Il pane fu diviso in fretta, ma senza tumulto e senza risse fra coloro che erano più vicini alla presa. Ma quelli a cui non era toccato nulla, irritati e aizzati11, dalla vista del guadagno altrui, e animati dalla facilità, e dalla impunità della impresa, si mossero a troppe16 alla bu¬ sca di altre gerle vaganti: tutte quelle, che si abbatterono in questi 17 cercatori, furono 18 ritenute e svaligiate come la pri¬ ma. 19 Ma questa poca preda non bastava alla voglia di tutti, né il fatto fin allora a coloro, che avevano fatto cynto su un garbuglio più grande. S’intese une voce che diceva: an¬ diamo ai forni.» Ai forni! ai forni!30 sono il buco dei ladri, la fucina della carestia.» « Ai forni ! ai forni ! » rispose il coro. In 81 quella via torta, angusta e frequentata, che va dal Leone di Porta orientale al Duomo, v’era 28 già a quei tempi un forno, che sussiste tuttavia, con lo stesso nome, che in toscano viene adire: forno delle grucce, e nel suo originale milanese è espresso 1 alle poste loro. Il — e su — 3 questo popolo — 1 vederlo —5 per [la mi | certa gen] quelli che lo negano a noi Un — "che ve ne sia — 7 dice uno—8 [prende la gerla daj prende l’orlo alla — ° l'abbassa co — 10 si — Un altro grida an — *- grida — 13 al fattorino — 14 [g 1 cadere e | in guarda | a gambe) in balia — 15 dall — Sic. in cerca di — 17 risentori (sic) — 18 svai — 111 Ma — !0 [a que| que — !l e si avviarono (lacuna) — 55 un fo