Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO VI - TOMO III. 505 il partito nella giunta, e io lo sodi certo: l’ho inteso con questi orecchi da una mia comare, che è amica della la¬ vandaia d’uno di quei signori. » « Largo, largo, signori, dieno il passo ad uh povero padre di famiglia, che porta da mangiare a cinque figliuoli, 1 che muojono di fame. » Cosi diceva uno, che 8 barcollava sotto un gran sacco di farina:8 e i vicini si stringevano per dargli il passo. « No, no, no ! » diceva sommessamente, e con aria mi¬ steriosa all’orecchio d’un suo compagno, un aftro. « Ip son uomo di mondo, so come vanno queste cose; e me la batto. Questi baggiani, che fanno ora tanto schiamazzo, domani • staranno tutti cheti a casa loro; ognuno dirà: io non c’era, oppure: è stato4 il tale che mi ha strascinato: no no !r' largo da questi garbugli.6 Ho già vedute certe facce7 di uomini, che fanno l’indiano, e notano tutti, e domani poi... ' si cavano le liste, e chi è sotto è sotto. Queste parole diedero un momento da pensare a Fermo, ma il vortice lo trasportava;8 e un discorso, ch’egli intese subito dopo,10 rinnovando e riscaldando l’indegnazione, ch’e¬ gli sentiva con tutti gli altri, soffocò le considerazioni di prudenza, che gli consigliavano di tornare indietro. «Si sa tutto,: diceva una voce più sonora" dell’altra:** «è scoperta la gran cabala orrenda. È il vicario di prov¬ visione, che ha mandato un gran cavaliere travestito da merciajo 13 a parlare col re di Francia: e si sono intesi: il re ha fatto promettere al vicario 11 uno scudo d’oro per,r' ' ciascun milanese che sarebbe morto di fame; e cosi, quando il paese sarebbe stato vuoto, il re veniva innanzi per di¬ ventar padrone egli. » « Era 10 ordita la trama di farci morir tutti: tanto è vero che mettevano attorno che il gran cancelliere è un vecchio rimbambito, per17 togliergli il credito, e comandare essi soli. » iS« Finora va bene, ma se avremo giudizio: bisognerà la ! morti di fame —2 [cadeva] tentenn — 3 e il passo gli era dato cor¬ tesemente da tutti — 1 quel — 5 alla larga — G Io che [sono] conosco Milano, ho — 7, che son [certa] certi — s denunzia é ... chi è sotto è sotto — e l’indegnazio — 10 ris — 11 e più n — 12 e che non cercava di nascondersi — 13 per — « Variante dieci scudi — 15 og — lc' fatta —

  • ' [coma] levarsi — ,s Tutto va bene, ma (lacuna) — 19 andare a tutti i