Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO VI - TOMO III. 507 \ y-'vWf bauo confuso e continuo.1 Fermo non credeva, né era pos¬ sibile di credere, tutto quello ch’egli aveva inteso dire/ in quel giorno:3 tutti quei discorsi, le sue idee antecedenti, la persuasione universale gli davano l’intima persuasione che un gran disegno di affamare il popolo fosse stato ordito e scoperto. Parteggiava egli4 dunque dell’ebrezza comune, gridava a quando a quando con gli altri; e se,'non attiz- zava5 la fiamma, stava pure a contemplarla con diletto, mangiando intanto un altro di quei pani, che aveva raccolti e posti in tasca al primo entrare in città. Muoja la carestia ! » si urlava da ogni parte; «muojano gli affammatori ! viva l’abbondanza ! viva il pane ! viva ! viva !» 6 A dir vero la distruzione 1 dei buratti, delle ma¬ die,8 il disfacimento dei forni, e lo scompiglio dei fornaj 9 non pare che fossero i mezzi più spediti, per far vivere il pane; ma questa è una sottigliezza metafisica, che non po¬ teva venire in mente ad una moltitudine. 10 II fuoco non era per anco estinto, quando11 corse all’im¬ provviso una voce12 per la folla, che13 al Cordusio (cosi14 è chiamato un crocicchio 16 poco distante 16 dalla piazza dove si faceva la baldoria), s’era scoperto da un fornaio un altro grande ammasso di pane e di farina. La folla 17 si diresse 18 • in tumulto verso quella parte: si gettò nella via corta eri angusta di Peschiera Vecchia, si condensò sotto l’arco che la termina, si diffuse nella piazza dei mercanti. Quivi, mentre si passava accanto 1!' alla loggia che tiene il lungo della piazza, una mano si alzò sopra le teste della turba, e si rivolse verso una statua colossale, che occupava una nicchia, or vuota, nella parte più apparente della loggia; e una voce gridò nello stesso tempo: «quello èra un re! un re che 20 rendeva giustizia pronta, e faceva impiccare i ti¬ ranni e i cabaloni. » « Viva ! viva ! » rispose21 uno22 stormo di 1 Muoja la carestia ! viva l’abbondanza! muojano gli aflamatoril Pane ! pane ! (lacuna) — • delle — 3 [della iniqu | ma da tutte] ma aveva riposta nell’intimo della persuasione quella idea generale che un gran disegno di affamare — 4 dunque — il f — " Come poi il pane potesse vivere per la morte — 7 delle — * e — 8 non erano i — In — “ si senti — 12 per — 13 li vicino — 14 chia — 15 A margine, in penna : « non molto distante ». — 16 dal luogo — 17 abbandonò le — 18 quivi in — 19 [alla loggia] al palazzo — "" faceva — 21 un frast — “ Variante burrasca 508