Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO VI - TOMO III. 509 condizione, dove abbiano da 1 faticare assiduamente per vi- vere, che al più possano 2 dissertare in un picciolo crocchio, c che non giungano mai3 a far cose, per cui debbano avere statue dopo la morte. 11 corteo 4 clamoroso dovette condensarsi e insaccarsi,5 onde passare, come per una trafila, " nella via angusta dei pustagnarj, e quindi sboccare al Cordusio. Quivi era già ammassata un’altra folla, e il saccheggio d’un forno era av¬ viato: i sopravvegnenti incalzavano' quelli ch.e erano già signori del campo, e si8 trasfondevano in essi, come po¬ tevano. Tutto ad un tratto una voce orrenda usci dalla folla: , andiamo dal Vicario di Provvisione, a fare una giustizia . Quella voce fu come una scintilla caduta 10 nel mezzo d’una polveriera. «Dal Vicario di Provvisione!» gridarono tutti:11 e parve un rammentarsi d’un accordo già12 fatto, più che una risoluzione di quel momento. La casa del Vicario era sven¬ turatamente vicinissima a quel luogo: in un punto la via fu piena, e la casa cinta d’ogni parte. Il Vicario di Provvisione stava in quel momento facendo un chilo agro e stentato d’un pranzo mangiato di mala voglia con un po’ di pane raffermo, rimasto, del giorno antecedente, e fra 13 pensieri tristi,14 e di 16 stupore, di inquietudine, di incertezza. Uno o due 11 benevoli,18 (perché nei garbugli sempre vi trascorre 10 qualche onesto,2,1 che cerca poi di impedire un po’ di male) precorsero lo stormo, ed, entrati nella casa, av¬ vertirono del pericolo. I servi, alle porte, alle finestre: non si vedeva altro che un nuvolo di gente che 21 appressava, che era li: in fretta in fretta,-si avvisa il padrone: mentre questi delibera 22 di fuggire, gli è detto che non è più a tempo: appena i servi possono chiudere e sbarrare'la porta al momento che i primi della vanguardia stavano per porre piede sulla soglia:23 si chiudono tutte le imposte delle fine- fà * A ■ \i A v ViÀ 1 occuparsi incessantemen — 2 a predicare in un — 3 ad eff ‘ tuon — r* per — dall — 7 gli a — s mischiavano con essi — 9 Di subito — 10 in un — 11 come se | e fu questa — 12 preso — 18 discorsi e — 14 di — 15 parole tronche : chi l’avrebbe creduto 1 come finirà? perché noi | discorsi tronchi — 10 maraviglia — 17 amici [e b] e bene — 1S (perché tra le sciarre — 19 qualcheduno bene intenz —20 con fine — 21 di m — 22 se —23 si accorre a chiudere le finestre come quando