Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


OLI SPOSI PROMESSI si;1 intendere tutte le sue potenze a fare che il bene s’avveri e sia cessato lo spaventoso irreparabile. La porta, quando la carezza vi si fermò, era in uno stato miserabile: i gangheri in parte scassati fuori dalle spalle del muro, le imposte, scheggiate, ammaccate,2 forzate nel mezzo e scombaciate l’una dall’altra,3 lasciavano tra loro una fessura, dalla quale si vedeva un pezzo di catenaccio torto e quasi divelto con gli anelli; che teneva ancora insieme quelle imposte, a un di presso come già Romolo Augustolo teneva insieme l’impero d’occidente. Dinanzi a questa porta si * tenzonava tuttavia tra quelli, che volevano abbatterla ed entrare di forza, e gli altri, che volevano ch’ella fosse aperta soltanto al gran cancelliere.5 L’arrivo di questo, attestando in certo modo l’assenso della folla alla sua missione, e fa¬ cendone vedere il compimento probabile e vicino, sconcertò i disegni violenti dei primi; i quali finalmente si rimasero. 9 « Giustizia ! giustizia I »1 si gridava ! « Giustizia, » rispon¬ deva Ferrer : «in castello, in prigione.» Uno di quegli ami¬ ci della quiete si avvicinò allo sportello, e disse al gran cancelliere: «Faccia presto, e con coraggio, ché^iamo qui molti galantuomini a darle ajuto. » « Bravi, » rispose Ferrer: «fate far largo, statemi intorno, e fate in modo che la porta s’apra tosto, e eli’ io entri solo. » « Lasci fare, » rispose quello ; e in tanto * egli ed i suoi compagni rispinsero i furibondi, oc¬ cuparono tutto lo spazio fra la carrozza e la porta,9 si di¬ visero quindi a"1 rispingere e a contenere a destra e a sinistra la folla, e lasciarono cosi una picciola piazzetta tra la car¬ rozza e la porta. Uno di essi intanto s’era posto alla fes¬ sura, “ e procurava di fare intendere a quei di dentro: che '• quegli che parlava era un amico, che era giunto un soccorso, il gran cancelliere, che si aprisse o si finisse di aprire la porta: che il Vicario stesse pronto per entrare in carrozza ed esser salvo. Quei di dentro intesero, respirarono, e 13 ri¬ sposero che aprirebbero; e che si correva a cercare il padrone. 1 a esaltare — * forate, scombaciate —3 per la violenza degli urli [lasci] avevano tra loro una | lasciavano nel mezzo —4 combatteva — La presenza di questo | L’ar — 0 Ferrer — 7 in prigione si grid — 8 coi — * contenendo [ai lati] a destra e a sinistra quegli che vo¬ levano fare — 10 contenere a destra — " e gridava a quei di dentro — 11 era venuto un soccorso — 13 stettero