Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


536 GLI SPOSI PROMESSI grida,» continuava l’oste; ma Fermo l’interruppe anrnr, dicendo: « Questa è una grida che non conta, perché non è mica buona: e fatta contra la povera gente, per sapere1 i fatti dei galantuomini, ed è una di quelle, che s’hanno a disfare dunque non ne parliamo più, e vi assolverò io.' Rienini- temi invece un’altra volta questo boccale, ché il vino |0 trovo a mio genio, e lo riconosco per galantuomo sen/-i domandargli il nome. » «Ma io sono obbligato...»3 ricominciò l’oste,* dando allo sconosciuto un’occhiata che voleva dire: — siatemi testimonio ch’io faccio il mio dovere. — «Via, via,» gridarono in un punto molte voci: quel giovane ha ragione: sono tutti balzelli, angherie: leene nuova, legge nuova, oggi ! » L’oste si strinse nelle spalle,5 e guardò ancora allo sco¬ nosciuto, il quale disse pure: « via^ non vedete che è un galantuomo ? andate a preparagli la stanza. »' « Bravo compagno ! bravi amici I » sciamò Fermo: « ades¬ so vedo proprio che i galantuomini si danno la* mano e si sostengono. » Partito l’oste, si parlò della grida e dèlie gride, e poi ancora del pane e dei tiranni. Lo sconosciuto che fino allora non aveva presa gran parte alla conversa¬ zione, usci in campo anch’egli con le sue riflessioni, e con le sue proposte. « Per me, » diss’egli, « se dovessi comandare io, trove¬ rei tosto il mezzo di fare stare gli ammassatori e i fornai, e di far trovare pane per tutti. Ecco come vorrei fare. Vor¬ rei che ' si pensasse8 alla povera gente, che non ha fru¬ mento e che deve provvedere pane di giorno in giorno, e che non ne avessero a mancar mai, che ognuno avesse la su? [azione fissata. Vi dovrebbero essere dei galantuomini, dei 1 signori, ma buoni e caritatevoli, che “ tenessero conto di tutti, e stabilissero ad ognuno la sua porzione secondo il bisogno, e a prezzo fisso. Per esempio, io andrei a farmi notare;» - e, cosi parlando, preso un coltello,13 rivolse la punta verso la tavola, e la dimenava come se scrivesse: « e si 1 chi — s Portatemi invece un — 3 voleva — 4 guardando nel — e guardò — 6 tosto ben — 7 si facesse — 8 a quelli — 5 Sic. ~ , ~ 11 tene — ,s e si dovrebbe scrivere: Ambrogio — 13 dalla tavola CAPITOLO VII -