Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SPOSI PROMESSI diamo dipinta Psiche quando sorge a spiare furtivamente le forme del consorte sconosciuto; e disse:1 «Matto min¬ chione! tu l’hai voluto: sei andato proprio a cercarla col lanternino; tal sia di te.» Dette queste parole come per isfogo, e per una apologia anticipata, si mosse, abbassò la sua lucerna, e la poSe dinanzi a sé; usci, volse la chiave nella toppa, e chiuse cosi Fermo nella stanza, e s’avviò per la scala verso la cucina. Ma* nel fare tutte queste operazioni e1 nello scen¬ dere, continuava tra sé la allocuzione, che aveva cominciata dinanzi a Fermo, favellando con l’assente, come aveva fatto coll’addormentato. — In un giorno come questo — proseguiva egli — colla mia prudenza, io ero venuto a capo di salvare la capra e i ca¬ voli, di passarmela* liscia; e il diavolo doveva mo’ proprio portarti alla mia osteria, per guastarmi il mestiere. Se tu fossi venuto solo, avrei potuto lasciarti addormentare su la tua panca; e, quando tutti fossero partiti, portarti fuora, e collocarti in un canto della strada al fresco:5 e domattina tu ti saresti svegliato un po’ ingranchito, ma fuor d’im¬ picci tu ed io. Ma tu invece, pezzo d’asino, hai pensato anche a condur teco un testimonio. —6 A questo punto della sua arringa mentale l’oste si trovò in cucina, girò un’occhiata per vedere se tutto era in regola, fece un cenno7 con l’occhio all’ostessa, che nella sua as¬ senza presiedeva con la prudenza e con l’imparzialità del mestiere la brigata procellosa; e quindi staccò8 il mantello da un cappellinajo, e se Io pose indosso, continuando tut- « Matto minchione! tu l’hai voluto: [Fatto questo | quindi | dette queste parole l'ostej in un giorno come questo con la mia prudenza io era venuto a capo di salvare la capra e i cavoli, e di passarmene senza impicci ; e il diavolo doveva proprio por¬ tarti alla mia osteria per guastarmi il mestiere. Se tu fossi venu¬ to solo, [avreij avrei trovato il modo di farti pagare, poi ti avrei lasciato addormentare su la panca, e quando tutti fossero partiti ti avrei _ 2 [nel far’ facendo — 3 scendendo — 4 senza impicci - 5 che do — 6 maledetto temevi forse di | pare che avessi paura di | e che testimonio ! | pare che avessi | volevi proprio assicurarti I pare che avessi paura di passartela liscia. Volevi proprio [assicurarti] far le cose [bene] a dovere : va che sarai servito : tua colpa : va, e anche a me, se fossi un ragazzaccio par tuo | va che sarai servito: tua colpa : [va] tangheri [senza] che — T della — 6 da