Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


OLI SPOSI PROMESSI 1 La povera donna aveva un’altra faccenda su le hra eia-:2 la corrispondenza con Fermo. Quantunque egli trovasse bel paese quello dove non era Lucia,4 pure sarJnn che egli stava sui registri di Milano, non ardi va’scostai? da" asilo. Faceva scrivere ad Agnese, per chiedergli nuove della figlia; dico faceva scrivere, perché i nostri eroi simrn in ciò a quelli d’Omero, non r' conoscevano l’uso dell’abbiri Agnese si faceva 6 leggere e interpretare le lettere, e incari cava pure altri della risposta. Chi ha avuto occasione di veder mai carteggi di questa specie, sa come son fatti8 è come intesi. Colui che fa scrivere, dà al segretario un tema ravviluppato, e confuso: questi parte frantende, parte vuol correggere, parte10 esagerare per ottener meglio l’intento na-te non io esprimere come Io ha inteso;" quegli a cui la lettera e indi ritta, se la fa leggere: capisce poco; il lettore diventa allora interprete, e con le sue spiegazioni 15 imbroglia anche di più quel poco di filo, che l’altro 13 aveva afferrato; di modo che le due parti finiscono a comprendersi fra loro, come due filosofi trascendentali. Il peggio è quando la situazione della quale si vuol render conto, è complicata, e i disegni e le proposte, che si M vogliono fare, sono contingenti e con¬ dizionate. Tale era il caso di Fermo. 15 Il suo disegno era di stabilirsi a Bergamo, di viver quivi della sua professione, e 16 di farsi con quella anche un po’ di scorta 17 di preparare un buon tetto a Lucia, e che allora essa venisse a Bergamo con la madre, ed ivi si concludessero le nozze. Ma i tempi non erano propizi- I amore che dipinge le cose facili,*• bastava bensì a per- (ossia il numero progressivo necessario), parte in alt n, due. Quel che con¬ tiene la prima metà del foglio 58 e un brano, ricopiato poi, del capitolo V, tomo IV: brano che comincia Fatte le parti e finisce porsi in salvo Altrove, come è scritto nella Prefazione, le differenze ricavabili dal con¬ fronto. - Agnese aveve un altro — * quella di - * si sentisse - 1 pure non ardiva scostarsi dall’asilo, né pur - " sapevano - « spiegare e lettere - 7 di quest. - »edi-» Quegli che dà il tema della let¬ tera comunica al segretario - >° per esagge - » [e sopratutto partei quegli che riceve la lettera se — 12 confonde - 13 avrebbe — “ fanno ■' [egli si ! Il suo disegno e la sua speranza era che Lucia venisse I venisse con la madre a Bergamo, che dov’egli confidava di potere stabilirsi, e viver bene del suo lavoro] Il suo castello in aria era di (lacuna) -J- di avvantaggiare con quella — » tanto — Lucia - e se - [bastava a | poteva | far credere] persuadeva bensì CAPITOLO IX -