Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO III - TOMO III 417 non pensò né alla fatica, 1 né alPincomodo, ma gioì nella con¬ formità di quello che sentiva e di quello che doveva fare. Mangiò un boccone in piedi, tolse una mula che aveva in istalla, e parti di volo. La buona donna (perché la bontà vera e abituale 2 ispira tutti i pensieri della gentilezza, la quale non è altro che la espressione o la finzione della bontà) la buona dpnna pensò che Lucia dopo tante scosse avrebbe gustato volentieri la solitudine e il riposo, e offerse di3 ritirarsi in un’altra stanza. Lucia accettò l’invito al riposo 4 con nuove parole di rico¬ noscenza, e rimase soletta. Ma quantunque per gli orrendi disagj5 del giorno e della notte tì antecedente il suo corpo avesse bisogno di quiete, pure Lucia non dormi, né cercò di dormire, e il riposo non consistette in altro che nella facoltà di trattenersi coi suoi pensieri senza quel battito continuo, senza sussulti, aenza terrore, non però con giocondità. V’ha dei mali e dei peri¬ coli ai quali succede la gioja,7 in chi gli ha sofferti o veduti da presso: tali sono le burrasche di mare,8 gli stenti e 9 i ri¬ schi della guerra, la rabbia di Scilla,10 e i sassi dei Ciclopi, quelle cose di cui Enea disse benissimo: forsan et haec meminisse juvabit, e che il Caro tradusse un po’ lunghettamente: E verrà tempo un di che tante e cosi rie venture, non che altro vi saran dolce ricordo. Il cuore si rallegra doppiamente nel paragone d’una quiete presente con 11 una angoscia passata, le immagini della quale sono grandi, semplici, forti, e miste 12 del ricordo di una certa fortezza. Ma v’ha un’altra specie di mali e di peri¬ coli, i quali dopo avere orribilmente tormentato con la pre- 1 A margine, in penna: «la fatica di viaggiare lontano tre miglia è troppo poca cosa per fame conto ». - 2 [ispira |-dà una cert | ispira la | insegna] dà la gentilezza — 3 lasciarl — 4 con ricono — 6 della —6 scorsa e — 7 in chi gli ha sofferti, o term | tali sono le burra¬ sche di mare (lacuna) — 8 i disagj — 0 le fatiche — 10 A margine, in pen¬ na: «-rabbia di Scilla e i sassi dei Ciclopi - fanno un'ironia che mi pare fuor di luogo, perché il resto è affare serio». — 11 un tur¬ bamento passato — 12 dell — la costanza d’animo Manzoni, Gli sposi promessi. 27 418 GLI SPOSI PROMESSI