Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


GLI SPOSI PROMESSI la storia del clandestino; e la narrazione divenne allora r scia, verisimile e ben congegnata. « Avete confessata una colpa,» disse tranquillamente F derigo: «Dio ve la perdoni, e... a chi v’ha dato una ten" tazione cosi forte di commetterla. Ma d’ora in poi, buon* figliuola, e voi buona donna, non fate più di quelle cose chp non raccontereste volentieri. » Quindi passò a chiedere a Lucia dove fosse Fermo;1 Ché ora il matrimonio poteva esser tosto conchiuso. Questo era un punto ancor più rematico.2 « Le dirò io...» cominciava Agnese, ma il Cardinale3 le diede un’oc¬ chiata, 4 la quale significava ch’egli5 sperava la verità più da Lucia che da lei, onde Agnese ammutì; e Lucia singhioz¬ zando rispose:-« Fermo, povero giovane non èqui: s’è tro¬ vato in quei garbugli di Milano, e ha dovuto fuggire; ria son certa ch’egli non ha fatto male, perché era un giovane di timor di Dio. » 7 «Ma che ha fatto in quel giorno?» chiese ancora il Cardinale: «quale è la sua colpa?» «Non ne sappiamo di più,» rispose Lucia. 11 Cardinale,8 giacché altri non v’era a cui domandare, si volse ad Agnese, la quale rianimata disse: «Se volessi, po¬ trei inventare una storia per contentare Vossignoria illu¬ strissima, ma sono incapace d’ingannare una gran persona come Ella è; e non sappiamo proprio niente di più.> « Dio buono ! » disse il Cardinale: « insidie, colpe, scia¬ gure, incertezze, ecco il mondo dei grandi e dei piccioli. Ma voi,» disse a Lucia, «che pensate adunque di fare in¬ tanto ? » « Io,» rispose Lucia: « io vedo che il Signore ha deciso altrimenti di me,!l che non mi vuole in quello stato; e ho messo il mio cuore in pace. E se trovassi dove vivere tran¬ quillamente, fuor d’ogni pericolo... se potessi esser rice¬ vuta conversa in un monastero... consecrarmi a Dio ... * « Oh che furia ! » sciamò Agnese. «Voi vi siete promessa, buona giovane,» disse Federi¬ • 1 e se il matrimonio — 2 [Lu| Lucia rispose singhiozza — H la guardò, come — 4 che vo — r* aspettava — rt zitti — 1 Dio buono ! disse il Cardinale, quante insidie e quant (lacuna) — 8 si volse ad Agnese, la quale rispo — che forse CAPITO